John Malkovich e Robert Rodriguez hanno lavorato a un film intitolato 100 Years che, una volta completato, verrà chiuso in cassaforte fino al 18 novembre 2115. In quella data solo una lista di 1000 persone scelte in tutto il mondo potrà vedere l’opera alle quali verrà riservato un esclusivo biglietto metallico. Si utilizzerà un vecchio proiettore conservato per l’occasione e si proietterà il film, appositamente girato su pellicola, direttamente nella distilleria dell’azienda. Un esperimento cinematografico? No, è la trovata pubblicitaria di una marca di cognac di lusso: Louis XIII, le cui bottiglie rimangono ad invecchiare negli scaffali per un secolo esatto. Quest’anno si stappano quelle immagazzinate nel 1915, il prossimo giro lo si farà nel 2115. Da qui l’idea del film: “Luigi XIII è un vero e proprio omaggio al controllo del tempo – ha dichiarato Ludovic du Plessis, il direttore esecutivo di Louis XIII – abbiamo voluto creare un’opera d’arte che sappia esplorare il rapporto dinamico del passato, presente e futuro“.

Un dubbio “tecnico”: anche se 100 Years avesse le carte in regola per reggere alla prova degli anni, è probabile di che di qui a un secolo la nostra modalità di fruizione dei prodotti cinematografici sarà talmente diversa, che pochissimi avranno interesse a vederlo.

Per scrivere il film, Malkovich ha fatto moltissime ricerche su futurismo e fantascienza, approfondendo molta della letteratura dei primi del novecento che provava a immaginare il nostro presente: “Alcune previsioni erano stranamente davvero precise ma, ovviamente, per molti è una realtà inimmaginabile. Come lo è per tutti noi”. Questo perché il film in questione è un film di fantascienza. Non si sa nulla sulla trama o sul cast: le uniche informazioni sono quelle raccontate in un breve video dove Malkovich spiega il concept dell’operazione. E poi tre teaser, ognuno dedicato ad un’ipotesi di futuro diversa, dove recita anche l’attrice cinese Shuya Chang. Cosa molto importante, nessuno dei tre teaser rappresenta davvero il film.

Ecco la pagina ufficiale con i video sul sito di Louis XIII.

(Fonti: io9.com | www.dailybest.it | www.wired.it )